Mappe storiche

L’Archivio di Stato di Torino ha digitalizzato la maggior parte delle carte topografiche e dei catasti raccogliendole in quattro grandi collezioni: le raccolte cartografiche della Sezione Corte, le raccolte cartografiche delle Sezioni Riunite, i catasti e la cartografia della Biblioteca Antica.

Il catasto onciario conservato presso l’archivio comunale di Calitri, etichettato come longiario 1753, è composto da un solo volume di 487 pagine recto ed altrettante pagine verso.

Mapire consente all’utente di navigare le mappe storiche dell’impero austro-ungarico utilizzando tecnologie all’avanguardia, tra cui Google Maps, Google Earth e OpenStreetMap. L’obiettivo principale è quello di creare una collaborazione internazionale per rendere questo contenuto disponibile al mondo in un’interfaccia comune utilizzando le più recenti funzionalità GIS.

OmnesViae offre una ricostruzione della Tabula Peutingeriana con tecniche moderne.

Il “Sistema degli Archivi del patrimonio cartografico e fotografico storico della Regione Puglia” è dedicato alla conservazione e alla valorizzazione delle fonti cartografiche, fotografiche e documentarie relative al paesaggio pugliese.
Il materiale archivistico, reso disponibile dagli Istituti conservatori della regione, è stato catalogato, schedato, digitalizzato e reso fruibile per la consultazione via web nella Teca Digitale.

DARMC mette a disposizione una serie di mappe e geodatabase utili alla mappatura e all’analisi spaziale del mondo romano e medievale.

ORBIS è un progetto dell’Università di Stanford che ricostruisce la durata temporale e le spese finanziarie associate a una vasta gamma di diversi tipi di viaggi nell’antichità.

Un WebGis con gli itinerari commerciali e le città in Europa dall’Impero Romano al Medioevo. WorldMap è open source e attualmente ancora in costruzione. È costruito per aiutare la ricerca accademica e l’insegnamento e il pubblico in generale e supporta la scoperta, l’investigazione, l’analisi, la visualizzazione, la comunicazione e l’archiviazione di dati multidisciplinari, multi-sorgente e multi-formato, organizzati spazialmente e temporalmente.